Tutto sulla IUC: cosa, quando e come si pagano le tasse
24/04/2014

tasi_calcolo_imu

Se pensate alle tasse, non potete non conoscere la nuova IUC 2014 e tutti i suoi segreti: si tratta di un’imposta a tre teste (IMU, TASI e TARI) uno soltanto dei quali – la TASI – caratterizzato da alcuni elementi di reale novità, sebbene di modesta sostanza.

La IUC si basa su due presupposti impositivi, uno costituito dal possesso di immobili e collegato alla loro natura e valore e l’altro collegato all’erogazione e alla fruizione di servizi comunali. La IUC si compone dell’imposta municipale propria (IMU), di natura patrimoniale, dovuta dal possessore di immobili, escluse le abitazioni principali, e di una componente riferita ai servizi, che si articola nel tributo per i servizi indivisibili (TASI), a carico sia del possessore che dell’utilizzatore dell’immobile, e nella tassa sui rifiuti (TARI), destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti, a carico dell’utilizzatore.

Tasi

La TASI e l’IMU si pagano entro il 16 giugno per l’acconto prima rata, il 16 dicembre per il saldo, con possibile pagamento unico a giugno a scelta del singolo contribuente.

La TASI nella realtà nulla è di nuovo e diverso rispetto alla sorella IMU: infatti utilizza la stessa tipologia di calcolo e si manifesta essenzialmente nel reintrodurre sotto altra denominazione la tassazione sulle abitazioni principali e per le altre fattispecie a esse assimilate dalla legge o assimilabili con delibera comunale, oggetto di parziale esenzione nel 2013.

L’aliquota  della TASI è pari all’1 per mille sino al 2,5 per mille, ma, con deliberazione consiliare adottata ai sensi dell’articolo 52 del d.lgs. n. 446/1997, il Comune può ridurre l’aliquota fino all’azzeramento attraverso l’introduzione di detrazioni. Il che, ovviamente, spaventa e preoccupa perché ad esempio a Milano è arrivato l’ennesimo aggravio fiscale:

Tari

Rivolta alla copertura del costo di raccolta dei rifiuti urbani e a essi assimilati (la vecchia TARES, in sostanza, che per il 2013 ha fatto seguito alle varie TARSU oppure TIA 1 o TIA 2), è dovuta da chiunque possieda o detenga a qualsiasi titolo locali o aree scoperte (anche gli inquilini quindi), a qualsiasi uso adibiti, suscettibili di produrre rifiuti urbani.

Tariffe TARI? Ogni Comune può utilizzare il metodo normalizzato indicato dal DPR n. 158 del 1999 secondo cui la tariffa deve essere commisurata sulla base delle quantità e qualità medie ordinarie di rifiuti prodotti per unità di superficie, in relazione agli usi e alla tipologia delle attività svolte.

Leggi articolo →

Ultimi articoli


Dal Forum
La Polizia e il cittadino
Ceregnano (Ro), "pericoloso armare la PL"
VERTENZE 208
il lavoro della Polizia Municipale 2
polizia locale amministrativa, eh?????
no tav scontri
Dal Forum
Pubblico Impiego
Nuovi B1 Mininterno 9
Licenziamento, ci ripenso
prof maurizio
possibile trasferimento tramite la legge 104
Province pronte a ridursi ma non a scomparire
Dal Forum
Certificazione e Servizi
AUTENTICA ACCETTAZIONI CANDIDATURE
Denucia di morte
Archivio atti
Residenza neonato
Iscrizione comunitari

Codice fiscale

INSERISCI I TUOI DATI

 

Cognome:

Nome:

Sesso:   M F

Comune/Prov.:

Data di nascita

Autocertificazione per la P.A.

 


Sondaggio

Gli stipendi dei manager pubblici verranno "tagliati" già da questa legislatura: il tetto massimo si aggira sui 300 mila euro. Decisione giusta?
no, per certe cariche si dovrebbe prevedere l'eccezione
si
no, il tetto resta comunque troppo alto

Mi Pagano Bene?

Quante volte vi siete chiesti se il vostro stipendio è in linea con le medie nazionali del vostro comparto?

 

Andate a prendere l'ultima busta paga e cliccate qui!



NOVITA' libreriaprofessionisti.it



Gruppo Maggioli

Comuni.it è un servizio Maggioli Editore, azienda del Gruppo Maggioli.
Prodotti e servizi per la Pubblica Amministrazione, i Liberi Professionisti e le Aziende

P.Iva 02066400405 - Copyright © 1997 - 2014