Il tuo browser non supporta JavaScript!

Attenzione, controllare i dati.

Corretta procedura per l’affidamento dei servizi internet di connettività

 
Un quesito posto da un’amministrazione comunale ha innescato l’interessante risposta dell’ANCI (servizio ANCI Risponde) in materia di procedure per l'affidamento del servizio di connettività internet (ADSL, senza fonia) per gli uffici comunali.
In sostanza il Comune chiedeva quali fossero le corrette procedure per tale tipologia di affidamento. Ecco la risposta dell’ANCI.
“Va innanzitutto ricordato che l’affidamento di beni e servizi informatici e di connettività ha trovato una più puntuale disciplina all’art. 1, comma 512 della l. 208/2015, così come modificato dall’art. 1, comma 419 della l. 232/2016 (Legge di Bilancio per l’anno 2017) il quale così dispone: “al fine di garantire l'ottimizzazione e la razionalizzazione degli acquisti di beni e servizi informatici e di connettività, fermi restando gli obblighi di acquisizione centralizzata previsti per i beni e servizi dalla normativa vigente, le amministrazioni pubbliche e le societa' inserite nel conto economico consolidato della pubblica amministrazione, come individuate dall'Istituto nazionale di statistica (ISTAT) ai sensi dell'articolo 1 della legge 31 dicembre 2009, n. 196, provvedono ai propri approvvigionamenti esclusivamente tramite gli strumenti di acquisto e di negoziazione di Consip S.p.A. o dei soggetti aggregatori, ivi comprese le centrali di committenza regionali, per i beni e i servizi disponibili presso gli stessi soggetti”. Va inoltre ricordato che in generale la normativa in materia di acquisizione di beni e servizi, nel favorire sempre di più il ricorso a centrali di committenza ed agli strumenti telematici di negoziazione, prevede per gli enti locali la facoltà di avvalersi delle convenzioni CONSIP ovvero, in caso di acquisizioni per via autonoma, l’obbligo di utilizzarne i parametri qualità/prezzo come limiti massimi, la cui violazione determina la nullità del contratto, costituisce illecito disciplinare ed è causa di responsabilità amministrativa (v. comma 449 l. n. 296/2006 richiamato dal succ. comma 450 sotto riportato)”.

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.